Il ponte ”va e vieni” dissabbiatore – disoleatore è’ stato studiato e progettato per trattare e gestire materiali solidi, di densità molto superiore a quella dell’acqua e delle sostanze organiche putrescibili.

Le sabbie depositate vengono spinte dalla raschia di fondo verso una tramoggia raccoglitrice dove vengono estratte per mezzo di air.lift nella versione a traino mentre nella versione aspirata è direttamente la macchina con elettropompa a bordo che estrae le sabbie. Il ponte ”va e vieni”, oltre a compiere funzione di dissabbiatore compie la funzione di disoleazione, questa è una operazione mediante la quale si separano oli, grassi e altre sostanze più leggere dell’acqua. Il materiale flottato viene raccolto sfiorando la superficie, con sfioratori meccanici, mentre il liquido defluisce da aperture sommerse.

Strutturalmente la macchina è costruita con due profili simmetrici affacciati tra loro in S235JR verniciato, zincato a caldo o in aisi 304/316 , uniti da appositi irrigidimenti orizzontali. La struttura è calcolata e dimensionata a seconda delle esigenze del cliente. Il piano di camminamento del ponte può essere realizzato in grigliato zincato o PRFV.

Le ruote motrici e folli sono eseguite in acciaio al carbonio con rivestimento esterno in mescola poliuretanica con 4 ruote guida nella versione su C.A. mentre nella versione a binario le ruote sono in acciaio ad alta portata. Il gruppo di comando è composto da un motore elettrico asincrono trifase e un  riduttori ortogonale . L’inversione del carroponte viene comandata da finecorsa magnetici e meccanici.

I sedimentatori va e vieni possono essere  aspirati, o a traino e Twincad costruisce entrambe le versioni.

Nella versione a traino la raschiante di fondo è costituita in lamiera di acciaio stampata a freddo. L’usura del pattino raschiante è evitata da una ruota, la lama è sostenuta da sostegni mobili e viene azionata da un cilindro oleodinamico,  o nelle versioni moderne da attuatore intelligente.

La raschiante di superficie serve per la raccolta del materiale flottato. La lama di superficie viene eseguita in lamiera stampata a freddo con raschiante in gomma ed è azionata sempre da un cilindro oleodinamico o attuatore.

Nella versione aspirata costruiamo 2 versioni, di cui una con pompa sul fondo con aspirazione diretta e scarico laterale in canale, mentre la seconda versione l’aspirazione dal fondo avviene attraverso una telescopica che carica una vaschetta a sfioro e poi da qui una pompa preleva il fango e lo scarica sempre in canala laterale

L’alimentazione del carroponte può essere del tipo a festoni o a catenaria o con avvolgicavo. Il quadro elettrico di bordo costruito a tenuta stagna protezione IP 55, secondo norme CE, apparecchiature necessarie al funzionamento in automatico e manuale della macchina, morsettiera numerata e pannello con orologio giornaliero per la temporizzazione della sequenza di funzionamento.

 

 

GRAFICA 3D

Work in progress